Ecobonus 2020 – le novità del Bonus Caldaie

L’Ecobonus 2020 detto anche Bonus Caldaie, è il bonus prorogato dalla precedente legge di Bilancio e rinnovato anche per il 2020 nella nuova Manovra Finanziaria varata dal governo nel dicembre 2019. L’EcoBonus prevede una detrazione fiscale fino al 65% per chi sostituisce o installa una caldaia a condensazione di ultima generazione (deve essere almeno di Classe Energetica A) con riscaldamento a pavimento oppure installando contestualmente le valvole di termoregolazione (termovalvole) sui radiatori. La detrazione fiscale dell’Ecobonus scende al 50% per chi non installa le termovalvole, mentre scende a 0% se la caldaia installata è di classe B o inferiore.

Possiamo quindi dire che l’Ecobonus è strettamente legato all’efficienza energetica della caldaia scelta.

EcoBonus: agevolazione fiscale IRPEF

L’Ecobonus 2020 non è uno sconto diretto sulla spesa di acquisto e installazione di una caldaia nuova. Si tratta invece di un contributo che viene spalmato in 10 anni sotto forma di rimborso IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche). Quindi vuol dire che prima il cliente paga il prezzo completo della caldaia e dell’installazione, poi ogni anno, invece di pagare per intero la propria quota IRPEF, viene detratta una parte che, alla fine dei 10 anni corrisponderà al 65% del valore della caldaia. Non si tratta quindi di uno sconto immediato, bensì di un rimborso che avviene in 10 anni.

Ecobonus, Cessione del credito e Sconto in Fattura

Il nuovo Ecobonus 2020 e la nuova manovra di bilancio 2020 hanno abolito lo sconto diretto in fattura. Cosa significa? Fino al 31 dicembre 2019 era possibile cedere l’agevolazione fiscale IRPEF all’azienda che effettua i lavori di installazione del climatizzatore (cessione del credito); l’azienda poteva quindi applicare uno sconto immediato in fattura ed il cliente finale poteva pagare solo il 35% della somma complessiva dell’intervento. La detrazione fiscale IRPEF veniva poi reclamata dall’azienda stessa in 5 anni (invece che in 10 come succedeva per il privato).

Con la modifica di dicembre 2019 lo sconto diretto in fattura non è più possibile.  Il governo ha infatti cambiato la legge e, pur rimanendo attiva la cessione del credito, non è più possibile indicare uno sconto immediato in fattura.

Quindi bisogna pagare tutto anticipatamente?

La risposta è . O meglio… teoricamente sì, bisognerebbe pagare tutto anticipatamente. Noi di Idraulico Braga però abbiamo trovato un sistema perfettamente legale per far in modo che il cliente continui a pagare solamente il 35% dell’importo quando installa un nuovo climatizzatore. Inoltre abbiamo studiato una formula per cui è possibile installare un nuova caldaia totalmente GRATIS. Sei interessato? Contattaci subito per una consulenza telefonica gratuita e senza impegno.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un tuo commento!

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti dichiari di aver letto e di accettare la Privacy Policy del sito web

Contattaci

  • 02 829 546 13
  • info@idraulicobraga.it
  • Via Nino Bixio, 19 27100
    Vigevano (Pavia)

Post recenti

Coronavirus COVID-19

#andratuttobene

Idraulico Braga continua a garantire i servizi di installazione e assistenza caldaie per aiutare tutte le persone e famiglie in quarantena. Ringraziamo di cuore il nostro personale che continua a prestare servizio, per tenere le famiglie al caldo nelle loro case, durante l’emergenza.